Rural Adventure nel Chianti

Enogastronomia

Una due giorni dedicata alla biodiversità organizzata dal “progetto Rural”

toscanaruralfestivalSabato 24 e domenica 25 settembre 2016 si avrà l’opportunità di vivere un’esperienza unica nelle terre del Chianti storico con tende e fuoristrada, per conoscere da vicino il lavoro di allevatori e coltivatori custodi di antiche razze e varietà ortofrutticole

Dopo il successo della prima edizione di Rural Festival Toscana, a Gaiole in Chianti (Siena) sabato e domenica scorsi, una festa dedicata alla biodiversità agricola e al mondo rurale dell’Appennino Tosco-Emiliano giunta alla terza edizione a Rivalta di Lesignano De’ Bagni (Parma), il “progetto Rural” va avanti. Per il fine settimana del 24 e 25 settembre 2016 ad esempio è in programma “Rural Adventure”, un’escursione nelle terre del Chianti storico per conoscere da vicino il lavoro di quegli allevatori e coltivatori custodi di antiche razze e varietà ortofrutticole aderenti a “Rural”, utilizzando fuoristrada per gli spostamenti più lunghi e fermandosi in un bivacco per la notte, che verrà attrezzato con tende.

     Un territorio, il Chianti, le cui caratteristiche del clima e del terreno lo hanno reso famoso come zona vocata alla produzione di vini di alta qualità, conosciuta già dal Settecento. Il paesaggio agrario chiantigiano è infatti caratterizzato da filari di viti che si alternano a oliveti ed è proprio in queste zone amene che si svilupperà il percorso del weekend accompagnati da una guida esperta, attraverso natura, storia, saperi e sapori di una volta e oggi custoditi da produttori appassionati. toscanagallo Il ritrovo è previsto per sabato alle 10.30 davanti all’Info point a Gaiole in Chianti, luogo di mercato famoso già a metà del Duecento, per un briefing di presentazione del “progetto Rural”. Alle 11 partenza per l’escursione che porterà al borgo medievale fortificato di Vertine: qui si sosterà per il pranzo (km. 6.5) e si proseguirà tra vigneti e ulivi con un 4×4 Defender arrivando al castello di Meleto per una visita. Quindi degustazione di vino Sangioveto in purezza dell’azienda “La Fornace di Ridolfo” a cui seguirà la visita all’allevamento del pollo Nero del Valdarno della famiglia Cantalici. Si proseguirà poi a piedi per raggiungere l’allevamento di Cinta Senese (km. 4) e infine si installerà il bivacco per il pernottamento in tenda (con letto matrimoniale o singolo) in località Mello. Alle 19.30 cena alla “Rural Base Camp Tent” e briefing per il giorno seguente. Alle 22 escursione notturna con lampada frontale e posizionamento delle fototrappole per catturare immagini della fauna locale. La domenica colazione alle 8 e smontaggio tende, alle 11 partenza a piedi con passaggi sul crinale dei monti del Chianti per poi raggiungere la rocca medioevale di Montegrossi con sosta per il pranzo alla Badia di Coltibuono (km 9.5). A seguire visita dell’Abbazia e delle vecchie cantine dei monaci vallombrosani con degustazione dei vini dell’azienda prodotti con vitigni autoctoni del Chianti e trasferimento con il 4×4 Defender tra boschi e vigneti verso Radda in Chianti per visitare nel centro storico del paese la cantina di stagionatura dei prosciutti di Cinta Senese. Rientro a Gaiole in Chianti nel pomeriggio. Prezzo del pacchetto: 250 euro a persona (minimo 4 persone).

     Per informazioni e prenotazioni: Roberto Mattioli, guida ambientale escursionistica e allenatore skyrunning, cell. 377.7802223  e mail roberto@rural.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Articoli recenti