CROAZIA, IL TURISMO AFFOLLA LA GROTTA AZZURRA

Offerte di viaggio

Vis e le sue isolette richiamano giovani e over 60

Croazia, Grotta Azzurra

Croazia, Grotta Azzurra

Sarebbe bastata la sola presenza di quello straordinario fenomeno cromatico che avviene ogni giorno all’interno della Grotta Azzurra per fare dell’isoletta di Capri un luogo celebre in tutto il mondo.  Ma, per quanto eccezionale, non si tratta comunque di un caso unico; ne esistono altri analoghi, meno famosi ma non per questo meno attraenti, in Italia e nel Mediterraneo.  Uno di questi si trova in Croazia, nella minuscola e spopolata isoletta di Bisevo/Busi, a 3,5 miglia dalla maggiore isola di Vis, della quale costituisce una delle più consistenti attrattive turistiche.

La montuosa Vis/Lissa (694 km da Trieste, altezza massima 587 m) è un’isola calcarea e carsica (grande un terzo dell’Elba) tra le più sconosciute anche agli stessi Croati di tutte quelle dell’arcipelago spalatino in quanto la più occidentale e quindi già in mare aperto, con pareti a picco sul versante meridionale, ricca di insenature, baie, grotte e spiagge anche di sabbia spesso accessibili solo via mare. La natura assolutamente integra si deve al fatto che fino al 1992 era un’inaccessibile base militare dell’Armata Iugoslava, di cui si possono ancora visitare le strutture maggiori un tempo segrete. Oggi prosperano pinete, campi di lavanda, ulivi e vigneti a produrre uno dei migliori vini bianchi croati;  radicata la tradizione peschereccia (sardine, sgombri, crostacei e ottime aragoste) che alimenta una novella tradizione culinaria: diverse fattorie si stanno trasformando in ristoranti rustici di cibi estremamente gustosi e genuini, di terra e di mare, a cominciare dalla pasticada al tonno.  Vis vanta una storia assai antica: dopo gli autoctoni Illiri, nel 390 a.C. divenne una colonia dei Greci di Siracusa con il nome di Issa, usata come testa di ponte per la colonizzazione di altre isole e della costa dalmata, seguita poi da Romani, Bizantini, repubblica di Venezia e Austro-ungarici, ognuno dei quali ha lasciato tracce.  Durante la 2° guerra mondiale una grotta nell’interno ha ospitato per tre anni il quartier generale dei partigiani di Tito, luogo assai più sicuro e controllabile della costa o delle montagne dell’interno.

Croazia, Isola di Stiniva

Croazia, Isola di Stiniva

L’isola ospita due piccoli insediamenti ai lati estremi, affacciati entrambi su baie profonde e relativi porti: Vis ad est, con alcune belle chiese e palazzi rinascimentali e i resti di Issa, Komiza ad ovest, borgo di pescatori e ex pirati dove visitare il museo della pesca. Le acque al largo offrono relitti di parecchie navi di tutte le epoche, ben apprezzate dai sub. Vis può essere raggiunta in traghetto partendo sia da Split/Spalato, che da Ancona.  Costituisce anche la base per la visita della selvaggia isoletta di Bisevo con la sua suggestiva Grotta Azzurra e alla meno nota Grotta dell’Orsa, dal 1967 riserva protetta in quanto ospita alcune delle ultime foche monache dell’Adriatico, nonché all’isola di Ravnik con la sua Grotta Verde e all’isoletta di Budikovac. Ultimo appunto: la Dalmazia centrale risulta più calda sia sulla costa che sulle isole per la presenza all’interno delle Alpi Dinariche che frenano i venti freddi continentali, per cui si possono fare bagni da maggio a fine settembre.

Croazia, Baia di Stiniva

Croazia, Baia di Stiniva

L’operatore “il Piccolo Tiglio” (tel. 0381. 72 098, www.ilpiccolotiglio.com), da 35 anni unico specialista per le vacanze in Croazia e nelle altre nazioni dell’ex Iugoslavia, propone soggiorni balneari sull’isola di Vis a Komiza in appartamenti privati con aria condizionata e in hotel 2 stelle dotato di aria condizionata, sauna, massaggi e fitness; una settimana di mezza pensione in doppia costa da 190 a 466 euro, secondo il periodo; l’affitto per sette giorni di un monolocale a 2 letti costa da 266 a 466 euro, un bilocale a 3 letti da 367 a 580, un trilocale con 5 letti da 627 a 880.  Vis è un’oasi di tranquillità e di relax, lontana dalla folla, che ha scelto un turismo misurato e di qualità, basato su pochi alberghi modesti e un gran numero di appartamenti in affitto; si esplora l’isola, per terra e per mare lungo le coste tra grotte, baie e spiaggette d’incanto, oppure le isolette vicine, godendo ovunque di una cucina genuina ed a prezzi irrisori.  Consultazioni del catalogo sul sito web, informazioni anche via e-mail ad info@ilpiccolotiglio.com e prenotazioni nelle migliori agenzie.

Testo e foto di Giulio Badini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Articoli recenti
  • Alle Terme Luigiane , ci si rigenera con acqua e fango
    Benessere
    In Calabria, ad Acquappesa, cure con le acque sulfuree salsobromoiodiche
    Terme Luigiane 2 020 In un angolo di Calabria, in provincia di Cosenza, tra il territorio di Acquappesa e Guardia Piemontese si incontrano le Terme Luigiane,  dove la vacanza diventa cura di sè e la cura diventa vacanza. Qui viene portata avanti una lunga…
  • I Cjarsòns, la tradizione della Carnia
    Enogastronomia
    4 giugno a Sutrio, festa golosa fra i monti del Friuli
    CarniaCjarsòns_Cercivento   I cjarsòns sono il piatto simbolo della Carnia e come la Carnia, verdissima e incontaminata montagna del Friuli, hanno una sorprendente molteplicità di aspetti, tant’è che se ne contano una cinquantina di versioni. Sorta di grandi ravioli in cui…
  • Romania tra arte e natura
    Offerte di viaggio
    Apatam propone un tour nelle terre del Conte Dragula
    rom06m Bran, Castello di Dracula Non si può certo definire la Romania, paese che non gode di un’alta considerazione, come una primaria meta turistica. Quello che sappiamo in genere di lei si limita alle belle spiagge a poco prezzo sul Mar Nero, all’area naturalistica del…